Bianchetta Genovese, monografia per immagini, collana Parsley

Bianchetta Genovese, la monografia per immagini di una pianta, di un vino e di uomini tipicamente liguri.

Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano

Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano

Sabato 23 Novembre 2019 dalle ore 20:00 presso la sede dell’ associazione San Giovanni Battista Cantalupo (SV)

Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano; lo stoccafisso piatto tipico della cucina ligure incontra la bianchetta genovese ed i vini dell’astigiano.

Con la partecipazione di produttori, i piatti preparati dallo staff dell’associazione San Giovanni Battista -Cantalupo 1907 e Francesco Zoppi autore del libro fotografico sulla Bianchetta (dpsonline 2019).

Il Progetto

Bianchetta Genovese (Gianchétta zenéize) storie di vino, paesaggi, produttori e migranti tra Valpolcevera e Tigullio.

“Bianchetta Genovese” è un progetto fotografico che racconta il lavoro necessario per realizzare il vino da cui trae il suo stesso nome: un vino molto amato nel territorio genovese, ma ormai di produzione limitatissima, proveniente da un vitigno coltivato in alcune zone della Val Polcevera (una delle principali vallate del territorio genovese) e del Golfo del Tigullio. Proprio in Val Polcevera, e più precisamente a Coronata, una collina immediatamente a ridosso del quartiere genovese di Cornigliano, i giovani migranti richiedenti asilo – per lo più africani – del Coronata Campus ospitato negli spazi dell’Ex Ospedale San Raffaele hanno recuperato piante di questo vitigno ormai abbandonate da molti anni e le hanno rese nuovamente produttive, grazie all’insegnamento di gesti antichi fornito loro da alcuni di quei pochissimi produttori di Bianchetta rimasti sul territorio.

La monografia per immagini della Bianchetta Genovese (Gianchetta in dialetto) fa parte della collana Parsley (Prezzemolo) ed ha avuto la sua prima pubblicazione grazie all’agenzia di comunicazione Dpsonline nel 2019. Fotografare e raccontare sono un modo per condividere esperienze e per comunicare. Un libro può interagire attraverso molteplici linguaggi, essere il punto di partenza, o il punto di osservazione, per arrivare ad altro, per arrivare ed essere ovunque come il Prezzemolo. La collana nasce da un’idea di Silvano Bonini e Francesco Zoppi.

Testi di Adriana Ghersi e Gerardo Brancucci

Per maggiori informazioni www.bianchettagenovese.it



tristique tempus leo velit, id Donec eget Lorem amet, accumsan ut Nullam