Bianchetta Genovese, monografia per immagini, collana Parsley

Bianchetta Genovese, la monografia per immagini di una pianta, di un vino e di uomini tipicamente liguri.

Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano

Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano

I pentoloni ribollono e il profumo di Stoccafisso ci accoglie già nel piazzale della chiesa nonostante le condizioni meteo non siano favorevoli. Tutto è pronto per la serata “Non solo Stoccafisso: Bianchetta Genovese e vini dell’astigiano” organizzata dall’ San Giovanni Battista – Cantalupo 1907 nella loro sede di Cantalupo (SV) , vicino Varazze, in collaborazione con gli chef di Ineja – Comitato San Giovanni e Accademia dello Stoccafisso. Una serata dedicata al piatto tradizionale della cucina ligure, lo stoccafisso, che incontrerà un vino tipicamente ligure come la Bianchetta Genovese dell’ Enoteca Andrea Bruzzone ed i vini dell’astigiano scoperti durante l’ultima edizione del Barbera Fish Festival una rassegna nata da un gemellaggio instaurato tra il merluzzo di Pesce Norvegese ed il Barbera Agliano. Si parte con una breve presentazione del libro Bianchetta Genovese (DPSONLINE 2019) di Francesco Zoppi per poi passare alle degustazione vera e propria grazie a Luigi Piaggesi sommelier FISAR Delegazione Varazze.

news-bianchetta-genovese-stock3

Non possono mancare i  Frisceu di Stoccafisso e erba cipollina a cura dello chef Roberto Bacchis abbinata alla Bianchetta Genovese di Andrea Bruzzone, si prosegue poi con i vini di Matteo Filippa uno Chardonnay abbinato al Brandacojon preparato dal comitato di S. Giovanni di Oneglia, mentre con la terza portata viene preparata una spadellata di stoccafisso con carciofi e panissa ricetta dell’ APS Cantalupo 1907 abbinata ad un Riesling Brut Nature della Soc. Agricola Borgo Maragliano Loazzolo.

Anche la Buridda di “Giomu” è una ricetta dell’APS Cantalupo 1907 e viene abbinata ad una Barbera d’Asti di Matteo Filippa dimostrando quanto lo stoccafisso possa essere versatile in cucina. Un Moscato d’Asti sempre di Matteo Filippa accompagnato dai dolci a cura dello chef Roberto Bachis concludo una bella serata all’insegna del buon cibo, dell’ottimo vino e grandi sorrisi



dictum felis id libero adipiscing risus Aliquam porta. mattis Lorem